Attività Clinica 

Il Dott. Marco Molinari è esperto di riabilitazione neurologica, riabilitazione delle lesioni del midollo spinale, ictus e patologie cerebellari. Si occupa inoltre di applicazioni tecnologiche alla riabilitazione con particolare esperienza in riabilitazione robotica e nei sistemi d'interfaccia cervello-computer (BCI).

Attività di Ricerca 

L'attività di ricerca del Dott. Marco Molinari si concentra su: meccanismi neurofisiologici e cellulari alla base del recupero neurologico, basi neurofisiolofiche e neurobiologiche dell'intervento neuroriabilitativo, neuroscienze della riabilitazione, sviluppo di tecnologie innovative in neuroriabilitazione, applicazioni robotiche in riabilitazione, recupero funzionale dopo lesioni midollari e Riabilitazione post-ictus.

Biografia 

2013 - oggiAssociate Editor, Functional Neurology journal.

2012 - oggiAssociate Editor, BioMed Research International.

2010 - oggiSenior Associate Editor, Journal of Alzheimer’s Disease (JAD).

1998 – oggiDirettore Unità Operativa Complessa UOC, Fondazione Santa Lucia IRCCS, Roma.

1991 – 2005Ricercatore Confermato presso la Clinica Neurologica, Servizio di Neuropsicologia, Cattedra di Neuroriabilitazione, Facoltà di Medicina, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

1994 – 1998Professore a Contratto per l'insegnamento di “Fondamenti Anatomo Fisiologici dell'Attività Psichica”, presso la Facoltà di Psicologia, Sapienza – Università di Roma.

1995 – 1996Aiuto presso l'Istituto di Neurologia, Servizio di Neuropsicologia, Facoltà di Medicina, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

1993 – 1994Aiuto presso l'Istituto di Neurologia, Servizio di Neuropsicologia, Facoltà di Medicina, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

1988 – 1991Ricercatore presso la Clinica Neurologica, Servizio di Neuropsicologia, Cattedra di Neuroriabilitazione, Facoltà di Medicina, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

1989 – 1995Visiting researcher,  "Frontier Research Program", RIKEN Institute, Wako (Giappone).

1984 – 1988Medico Interno Universitario con Compiti Assistenziali (MIUCA), Istituto di Clinica delle Malattie Nervose e Mentali, Facoltà di Medicina, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

1987: Visiting Research Assistant Professor, Institute of Psychology, Duke University, Durham, NY (USA).

1985 – 1986Visiting Researcher, Institute of Anatomy and Neurobiology, University of California Irvine, Irvine, CA (USA).

1981 – 1982Assistente Ospedaliero, Reparto Neuropsichiatrico dell' Ospedale Militare Attilio Frigeri, Roma.

1980Tirocinio pratico ospedaliero nella disciplina di Neuroradiologia, Ospedale Maggiore, Ospedali Riuniti di Bergamo, Bergamo.

Cerebellum and procedural learning: evidence from focal cerebellar lesions, Molinari M, Leggio MG, Solida A, Ciorra R, Misciagna S, Silveri MC, Petrosini L, Brain. 1997 Oct;120 ( Pt 10):1753-62.

The cerebellum contributes to linguistic production: a case of agrammatic speech following a right cerebellar lesion, Silveri MC, Leggio MG, Molinari M, Neurology. 1994 Nov;44(11):2047-50.

Verbal short-term store-rehearsal system and the cerebellum. Evidence from a patient with a right cerebellar lesion, Silveri MC, Di Betta AM, Filippini V, Leggio MG, Molinari M, Brain. 1998 Nov;121 ( Pt 11):2175-87.

Phonological grouping is specifically affected in cerebellar patients: a verbal fluency study, Leggio MG, Silveri MC, Petrosini L, Molinari M, J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2000 Jul;69(1):102-6.

The cerebellum in the spatial problem solving: a co-star or a guest star?, Petrosini L, Leggio MG, Molinari M, Prog Neurobiol. 1998 Oct;56(2):191-210.

Selective CB2 receptor agonism protects central neurons from remote axotomy-induced apoptosis through the PI3K/Akt pathway, Viscomi MT, Oddi S, Latini L, Pasquariello N, Florenzano F, Bernardi G, Molinari M, Maccarrone M, J Neurosci. 2009 Apr 8;29(14):4564-70. doi: 10.1523/JNEUROSCI.0786-09.2009.

Cognitive sequencing impairment in patients with focal or atrophic cerebellar damage, Leggio MG, Tedesco AM, Chiricozzi FR, Clausi S, Orsini A, Molinari M, Brain. 2008 May;131(Pt 5):1332-43. doi: 10.1093/brain/awn040. Epub 2008 Mar 11.

Cerebellar damage impairs detection of somatosensory input changes. A somatosensory mismatch-negativity study, Restuccia D, Della Marca G, Valeriani M, Leggio MG, Molinari M, Brain. 2007 Jan;130(Pt 1):276-87. Epub 2006 Sep 18.

Cerebellum and detection of sequences, from perception to cognition, Molinari M, Chiricozzi FR, Clausi S, Tedesco AM, De Lisa M, Leggio MG, Cerebellum. 2008;7(4):611-5. doi: 10.1007/s12311-008-0060-x.

Rehabilitation of gait after stroke: a review towards a top-down approach, Belda-Lois JM, Mena-del Horno S, Bermejo-Bosch I, Moreno JC, Pons JL, Farina D, Iosa M, Molinari M, Tamburella F, Ramos A, Caria A, Solis-Escalante T, Brunner C, Rea M, J Neuroeng Rehabil. 2011 Dec 13;8:66. doi: 10.1186/1743-0003-8-66.

“Scienze interdisciplinari e cliniche” , corso di laurea in Logopedia, Università di Roma Tor Vergata.
Master di II° livello in "Diagnosi e terapia integrata della malattia di Alzheimer e delle altre demenze", Università degli Studi di Roma Tor Vergata.