Riabilitazione Estensiva Ambulatoriale Bambini

Un Approccio Integrato e Personalizzato

Il Servizio di Riabilitazione Estensiva Ambulatoriale per Bambini eroga trattamenti riabilitativi ai minori di 18 anni in regime non residenziale. Comprende terapia neuromotoria, occupazionale, foniatrica, ortottica, respiratoria, logopedica, neuropsicologica e dei disturbi visuo-percettivi. I progetti di riabilitazione multidisciplinare possono prevedere anche idrocinesiterapia (piscina), psicomotricità e terapia cognitiva per l’età evolutiva. Il Servizio include anche la valutazione e il collaudo di ausili e ortesi. In base alle necessità della persona, viene stabilito il numero di sedute settimanali, di controlli medici, d’interventi di supporto psicologico alla famiglia e di supporto alla scuola.

 

La Presa in Carico del Bambino

Il Servizio prende in carico con priorità bambini di età inferiore ai 18 mesi, che presentano patologie complesse. Tra queste, paralisi cerebrali infantili, gravi prematurità, gravi disturbi di alimentazione e comunicazione, disabilità intellettive, sindromi genetiche rare come Down, Prader-Willi e Cri Du Chat.

 

Terapia Cognitivo-Comportamentale, Supporto Psicologico e Counseling

La terapia cognitivo-comportamentale è rivolta ai bambini con problematiche cognitive e adattive, legate a diverse patologie dello sviluppo, che si manifestano per esempio in capacità limitate di apprendimento, ostacoli alla comunicazione verbale ed emozionale, impulsività comportamentale e deficit di attenzione.  L’approccio al bambino è centrato sugli aspetti neuropsicologici, che interessano le facoltà della memoria, del linguaggio, dell'attenzione e le funzioni esecutive indispensabili al soggetto per organizzare il proprio agire. La fase di diagnosi e il progresso della terapia vengono monitorati con scale scientifiche internazionali che permettono di registrare i progressi della persona in cura e l'influsso delle condizioni ambientali. Tra i metodi utilizzati, anche l'approccio bio-pscisociale ICF. La terapia cognitivo-comportamentale è guidata presso la Fondazione Santa Lucia da psicologi specializzati, che garantiscono il coinvolgimento dei genitori nel piano terapeutico e contribuiscono al coordinamento delle attività di riabilitazione, secondo la strategia di un approccio globale al bambino. Alle famiglie è offerto inoltre un servizio di counseling genitoriale. Ragazzi pre-adolescenti o adolescenti hanno la possibilità di avvalersi, all'interno del percorso riabilitativo, di terapia psicologica di sostegno, che offre momenti di dialogo e strumenti per affrontare difficoltà adattive. 

 

Terapie Neuromotorie

  • Bendaggio funzionale
  • Manipolazioni miofasciali
  • Rieducazione neuromuscolare secondo Kabat e Bobath
  • Rieducazione respiratoria
  • Taping neuromuscolare
  • Tecnica carnio sacrale
  • Tecniche posturali
  • Tecniche psicomotorie

 

Terapie Logopediche

  • C.A.A. (Comunicazione Aumentativa Alternativa)
  • Metodo di Dzora Dredzdanic
  • P.E.C.S. (Picture Exchange Communication System)
  • Tecniche riabilitative per la disfagia

 

Come Accedere alla Riabilitazione

Il Servizio di Riabilitazione Estensiva prende in carico bambini con gravi cerebrolesioni congenite o acquisite e sindromi genetiche rare. Nel caso in cui la patologia sia congenita, la presa in carico può avvenire solo entro 18 mesi dalla nascita. Nel caso in cui la patologia sia acquisita (es. a seguito di trauma cranico, politraumi, ictus etc.) la presa in carico può avvenire solo entro 18 mesi dall'evento. Nel caso di sindromi genetiche rare, la presa in carico può avvenire solo entro l'età di due anni. Al di fuori di questi casi, la Fondazione Santa Lucia inserisce il bambino in una lista di attesa secondaria. Tuttavia, a causa della grande richiesta di assistenza sanitaria in questo settore, la possibilità che le persone inserite in questa lista secondaria siano prese in carico è remota.

Per richiedere il trattamento riabilitativo per il proprio bambino è necessario presentare l’impegnativa del medico ospedaliero o dell’Azienda ASL di residenza del paziente. Nell’impegnativa si chiede la “Presa in carico riabilitativa in modalità estensiva per… [una specifica diagnosi]". L'impegnativa va quindi presentata all'Ufficio Accettazione Ricoveri della Fondazione Santa Lucia Irccs, che sottopone la richiesta al Medico Responsabile dell'Unità Operativa di Riabilitazione Estensiva per Bambini.

Nel caso in cui la domanda sia accettata, il bambino viene inserito in lista d'attesa. La famiglia può avere informazioni al riguardo, contattando nuovamente l'Ufficio Accettazione Ricoveri dopo una settimana dalla presentazione della domanda. I tempi di attesa tra l'accettazione della domanda e l'avvio del progetto riabilitativo non è mediamente inferiore a tre mesi.

 

Ufficio Accettazione

Tel: +39 06.5150.1422 / -1424 / -1425

Fax: +39 06.5032.097

Orari: dal Lunedì al venerdì, ore 08:30 – 13:00; ore 14:00 – 17:30; Sabato, ore 08:30 – 12:30

 

Dove Siamo

Fondazione Santa Lucia IRCCS

Via Ardeatina, 354 – 00179 Roma

Edificio U3 – Piano 0

 

Riabilitazione Estensiva Bambini (non per informazioni e prenotazioni)

Tel. +39 06.5150.1490

Fax +39 06.5032.097

Orari: dal lunedì al venerdì, ore 08.00 – 20.00; sabato, ore 08.00 – 13.00