Ictus: nuovo protocollo di Idrochinesiterapia Santa Lucia più efficace del 30% | Fondazione Santa Lucia

Ictus: nuovo protocollo di Idrochinesiterapia Santa Lucia più efficace del 30%

Uno studio pubblicato su Frontiers in Neurology riporta un incremento del 30% nei risultati ottenuti in un trial clinico con un nuovo protocollo di idrochinesiterapia ambulatoriale destinato a pazienti che hanno avuto un ictus cerebrale e a seguito del ricovero in Neuroriabilitazione Ospedaliera di Alta Specialità.

Un trial clinico effettuato alla Fondazione Santa Lucia IRCCS ha validato un nuovo protocollo di idrochinesiterapia che, rispetto alla terapia in acqua tradizionale, offre un incremento del 30% nel livello di recupero delle funzioni motorie e dell’equilibrio. I pazienti che hanno partecipato al nuovo protocollo, denominato “Approccio Propedeutico Sequenziale”, hanno recuperato maggiormente rispetto ai pazienti del gruppo di controllo, riuscendo a camminare senza la necessità di un ausilio e migliorando l’equilibrio con una riduzione del rischio di cadute da “medio” a “basso”.

Il trial clinico, diretto dal Dottor Marco Tramontano e realizzato dai fisioterapisti specializzati in idrochinesiterapia della Fondazione Santa Lucia IRCCS, tra cui Giulia Temperoni e Andrea Curcio, ha coinvolto 33 pazienti tra i 25 e gli 80 anni, colpiti da ictus e con diagnosi di emiplegia (deficit dovuto ad una lesione neurologica che paralizza un lato del corpo). I pazienti sono stati seguiti con trattamento ambulatoriale 2 volte a settimana.

Sia il gruppo di pazienti inclusi nel nuovo protocollo che il gruppo di controllo, hanno riscontrato un miglioramento sostanziale delle loro condizioni fisiche, misurate attraverso numerosi indici tra cui lo Stroke Specific Quality Of Life Scale (SS-QoL) e il Barthel Index Modificato (BIM). Nel gruppo sottoposto al nuovo protocollo terapeutico si è registrato un incremento medio del 30% superiore al gruppo di controllo su tutti gli indici, dimostrando la validità del metodo applicato. Il risultato è stato confermato anche nella verifica di follow-up ad un mese dal termine di entrambi i protocolli di idrochinesiterapia.

L’idrochinesiterapia è un approccio terapeutico che si avvale delle proprietà fisiche dell’acqua per incrementare l’efficacia delle terapie incluse nel percorso di neuroriabilitazione. Questo approccio terapeutico, per alcune tipologie di pazienti, è da tempo considerato efficace soprattutto se somministrato in modo complementare alla terapia in palestra. L’accesso ad una piscina di idrochinesiterapia è per questo inserito tra gli standard necessari per gli ospedali di neuroriabilitazione.

“Lo studio ha diversi risvolti clinici rilevanti” commenta il coordinatore della ricerca Marco Tramontano,  “il primo è che un approccio sequenziale e propedeutico è applicabile anche in ambiente acquatico e non solo in Palestra, il secondo è che in entrambi i gruppi la spasticità non è aumentata ma bensì ridotta alla fine della sperimentazione confermando gli effetti terapeutici dell’idrochinesiterapia sull’ipertono. 

 

Riferimento scientifico: Giulia Temperoni, Andrea Curcio, Marco Iosa, Marco Mangiarotti, Daniela Morelli, Sara De Angelis, Serena Vergano, Marco Tramontano. A water-based sequential preparatory approach versus conventional aquatic training in stroke patients: a randomized controlled trial with a one-month follow-up. 18 giugno 2020